L'Anfiteatro Flavio: il Colosseo

L'anfiteatro nelle città del mondo antico

Un edificio frequente nelle città romane è l’anfiteatro, che era utilizzato per spettacoli di lotte tra gladiatori e per cacce con animali.

Questo monumento, tipicamente romano, inizialmente fu realizzato in legno; se le condizioni lo permettevano, la costruzione poteva anche essere sostenuta da un declivio naturale o appoggiarsi alle mura cittadine; ma gli anfiteatri più famosi sono quelli autonomi che manifestano nelle loro forme grandiose l’abilità tecnica raggiunta dai romani soprattutto nell’uso dell’arco e della volta.

colosseo-roma

Lo spazio più basso dell’edificio, la parte dove stavano i gladiatori, era detta arena e aveva una forma ellittica in modo da permettere ai lottatori di avanzare o retrocedere durante l’azione. Tutt’intorno era la cavea, che seguiva la forma ellittica dell’arena; vi si accedeva per corridoi sottostanti con scale per gli ordini superiori. La cavea era composta da gradinate che salivano progressivamente, divise da corridoi d’accesso. Perché gli spettatori potessero ripararsi dal sole, la cavea poteva essere coperta, anche se non totalmente ma solo nei punti voluti, da grandi teli che venivano tesi grazie a un sistema di corde e di pali di sostegno. All’esterno la costruzione presentava una parete composta da archi disposti generalmente su due ordini. La parte esterna e le gradinate erano raccordate da un sistema di volte su piani sovrapposti che avevano il compito fondamentale di sostenere l’edificio, reggendo sostruzioni oblique poste radialmente.

Dietro ognuno degli ordini di archi esterni, era un corridoio di passaggio che permetteva, al piano terreno, di ripararsi in caso pioggia.

L’esempio più famoso di questa costruzione del mondo antico è sicuramente l’Anfiteatro Flavio, voluto da Vespasiano e inaugurato da Tito nell’80 d.C. conosciuto come Colosseo, questo appellativo fu dovuto al fatto che la nuova costruzione sorse sul luogo dove precedentemente era collocata una colossale statua bronzea di Nerone. Il Colosseo fu costruito all’estremità del Foro Romano verso il Celio. L’esterno presenta ben tre ordini di archi, sostenuti da pilastri con semicolonne di ordine tuscanico, ionico e corinzio. Lo spazio dell’arena, nel caso del Colosseo poteva anche essere riempito d’acqua per permettere lo svolgimento di naumachie (battaglie navali).

 

Come scegliere il biglietto giusto ai musei archeologici di Roma

Ridotto: hanno diritto all’ingresso con biglietto a tariffa ridotta i cittadini dell’Unione europea di età compresa tra 18 e 25 anni.
Gratuito: hanno diritto all’ingresso con biglietto gratuito: i minori di 18 anni, i docenti italiani in possesso di idonea documentazione rilasciata a cura dell'istituzione scolastica (modello predisposto dal Mnistero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca) unitamente ad un documento di identità in corso di validità. ...Continua

NB. I docenti italiani senza attestato del MIUR e quelli stranieri pagano il biglietto intero. 

 
 Prenota
Totale risultante: ...,...

IMPORTANTE

Questo biglietto dà diritto a visitare (un solo ingresso per ogni sito) il Colosseo, il Foro Romano e l'area archeologica esterna del Palatino. Una volta visitato il Colosseo all'orario prenotato, il biglietto è valido per 2 giorni consecutivi (cioé il giorno della visita al Colosseo e il giorno successivo).
 

SERVIZIO ASSISTENZA

Per assistenza chiama l'ufficio prenotazioni.
Il servizio clienti è a vostra disposizione dal lunedì al venerdì dalle 10,00 alle 17,00.

numero telefono

In caso di malfunzionamento del numero principale chiamare i seguenti numeri di emergenza: (+39) 055-5321181/055-5321180)

metodi pagamento

Domus-Aurea